• Il legno Massiccio

Il legno Massiccio

 Si definisce come legno massiccio da costruzione (KVH) il materiale derivato dai segati destinato a strutture portanti essiccato artificialmente, piallato e classificato secondo la resistenza, ottenuto da taglio cuore spaccato o fuori cuore. Mediante il giunto a pettine è possibile ottenere elementi di maggior lunghezza. Secondo le esigenze il legno massiccio da costruzione (KVH) viene offerto in due tipi di qualità della superficie: per applicazioni a vista (KVH-Si) piallato e smussato e per applicazioni non a vista (KVH- Nsi) livellato e smussato.

Tipica del legno massiccio è la presenza di fessurazioni più o meno accentuate: queste sono dovute all’essiccazione e quindi al ritiro del legno dopo il taglio; non devono essere considerate un difetto ma piuttosto una caratteristica intrinseca di questo tipo di legno che non compromette minimamente la portata strutturale della trave.

 Sono invece da considerare difetti le fessurazioni causate da fulmini, dal gelo oppure la cipollatura (fessura tangenziale che si manifesta tra due anelli di accrescimento successivi): il materiale che presenti anche uno solo di questi difetti viene regolarmente scartato.